Caccia Toscana – cambiano le politiche venatorie

[Nuove regole per la caccia in Toscana]  Nella discussione sulla conferenza della caccia tenuta il 13 febbraio sul tema emergenza cinghiali in Toscana nessuno ha negato l’esistenza del problema e la sua gravità. Solo le associazioni ambientaliste hanno ovviamente espresso parere contrario. L’obiettivo pricipale è quindi quello di tenere sotto controllo il numero dei capi attivando entro 3 mesi un piano straordinario per riportare la situazione in equilibrio che si basa su 6 punti:

  1. programmazione con obiettivi territoriali di contenimento degli ungulati chiari e verificabili;
  2. una gestione integrata del territorio, coordinando a livello provinciale la pianificazione degli ATC con quella dei vari Istituti faunistici e dei parchi, a livello regionale;
  3. maggiori poteri e responsabilità per le provincie;
  4. norme tecniche e severe per il controllo degli ungulati: controllo su tutto il territorio regionale, divieto di foreggiamento, allungamento del periodo di caccia;
  5. resposabilizzazione delle squadre;
  6. promozione di filiere locali per incentivare il controllo degli ungulati.
Il piano venatorio politico per risolvere lemergenza in Toscana dei cinghiali

Il piano venatorio politico per risolvere l'emergenza in Toscana dei cinghiali

Claudio Martini: Il piano straordinario sulla caccia in Toscana:

Il 14 febbraio Claudio Martini, presidente della regione Toscana e assessore all’ agricoltura ha dichiarato di voler affrontare nel modo più rapido possibile il problema dei cinghiali e della fauna ungulata chiedendo la partecipazione di tutti i soggetti presenti : associazioni venatorie, agricole ed ambientaliste, istituzioni locali ed enti gestori dei parchi.

Gli agricoltori sperano sul nuovo piano caccia della Toscana

Poteri straordinari alle provincie per fermare lo quilibrio faunistico che la regione Toscana sta registrando compresa la possibilità di apertura della caccia nelle aree protette. Un passo ritenuto importante dagli agricoltori della Toscana che sperano di poter limitare i danni ai raccolti nei prossimi anni.

Argomenti attinenti e approfondimenti:

[Caccia: regione Toscana] ricerca, uccisione o cattura di animali selvatici da parte dell’ uomo o di un’altro animale: caccia alla volpe, caccia al cinghiale, caccia al fagiano, andare a caccia, caccia grossa. La caccia è la pratica nel cacciare gli animali nelle condizioni e nei tempi previsti dalla legge: apertura della caccia, divieto, permesso di caccia. La riserva di caccia è una zona in cui un ente o un privato ha acquistato diritto esclusivo di caccia. La caccia può essere intesa anche come la ricerca e appostamento di animali selvatici allo scopo di fotografarli nel loro ambiente, battuta o safari. MAggiori informazioni sulla caccia: cacciapassione . Cerca “video sulla caccia“: google-video. Aree protette: sono quelle aree in cui la legge vieta o limita la caccia a determinati animali salvaguardati come in questo caso il cinghiale. Venatorio: relativo alla caccia, o ai cacciatori, arte venatoria o concorso venatorio, deriva dal latino venatorium che deriva da venari cioè “andare a caccia” maggiori informazioni su “venatoria”: andiamo-a-caccia. Cercapolitica venatoria“: con google, con ricerca.virgilio. Cerca “caccia in Toscana“: con google.it o googlenews. Leggi gli interventi sulla caccia al cinghiale a Siena.

Questa voce è stata pubblicata in emergenze e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento